Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
venerdì, marzo 17, 2006
La Rosa nel Pugno (a Matrix)
Ho sfidato tutta la mia capacità di sopportazione ed in due giorni ho visto tre programmi di informazione politica: Bertinotti vs Maroni, Emma Bonino e Boselli da Matrix ed oggi Boselli/Bertinotti vs Casini/Tremonti.
Di Berinotti vs Maroni ho già parlato ed in quello stesso post ho preannunciato gli interventi della Bonino e Boselli a Matrix.
Un lodevole, ma non solo per questo, Mentana ha dato voce per la prima volta a quella che lui stesso ha definito "la più grande novità di questa campagna elettorale": la Rosa nel Pugno. Qui da me non è più una grande novità è già una bellissima realtà.
Le parole di Boselli e della Bonino non hanno fatto altro che confermare, per me, che il loro progetto è quello di cui l'Italia ha veramente bisogno: Libertà, Laicità e Modernità.Libertà in uno stato laico significa anche libertà di essere cattolici. Cattolici ovvero dei Cristiani che si riconoscono e credono nella Chiesa Cattolica.Sentire il bisogno di maggiore laicità significa sentire il bisogno che il Vaticano ingerisca meno nella vita politica del Paese. Significa riconoscere il pieno diritto della CEI ad esprimersi sulle grandi questioni etiche e morali che la legislazione *deve* affrontare, ma evitare che i loro giudizi rappresentino un limite allo sviluppo sociale del paese condannado come immorali proposte che vadano con la dottrina religiosa.Modernità, quindi, significa volere uno Stato che attraverso la sua legislazione riesca a seguire di pari passo le evoluzioni culturali e sociali del paese senza vedersi contrapposti ostacoli dai Crociati della Tradizione.
Pensare che io gay, e tanti altri come me, voteremo la Rosa nel Pugno perchè vittime della loro opportunistica propaganda e accondiscendenti ad una autoghettizzazione è banale e poco dignitoso.
La Rosa nel Pugno non è solo Pacs e basta consultare il loro programma per capirlo. Il volersi concentrare però sulle unioni civili e sul grande tema della laicità significa sostenere il programma dell'Unione ma con molto più coraggio proprio là dove la coalizione di centrosinistra si è dimostrata troppo timida.Ed è con questo spirito che Emma Bonino ha lasciato il tavolo di stesura definitiva del programma e solo successivamente ha firmato il programma di governo dell'Unione: per molti è stato un colpo di teatro, per altri un mossa elettoralistica, per me è stato il coraggio di esprimere il proprio dissenso e per protestare contro una coalizione che si propone riformista ma che di fatto non lo è. La firma posticipata è l'espressione di una convinzione: l'unica coalizione che potrà far progredire questo paese è quella di Centrosinistra. Preso atto che, senza volere fare una discorso di struttura e sovrastruttura, solo in quei paesi dove si sono estesi i diritti civili, ovvero diritti di libertà di scelta, di uguaglianza e di piena cittadinanza delle persone, lì si è avuta una crescita in tutti gli altri.Liberlismo e socialismo per molti è un ossimoro, per altri come me è la convizione che solo una giusta combinazione delle due teorie può portare a risollevare una paese dall'inerzia e dallo stagnamento. Zapatero ne è un esempio. Blair ne è un altro.

Ad alcuni i Radicali fanno paura, per molti sono scomodi, per altrettanti sono petulanti. Per me Radicali significa avere delle idee e fare di tutto, anche colpi di teatro, per portarle avanti.
Il Partito Socialista con Bettino Craxi sono stati la rovina dell'Italia, questa è la credenza comune e l'attuale disorganicità dei superstiti socialisti lo confermerebbe. Io non amo fare lo scaricabarile, ma credo siano ancora pochi quelli che, soprattutto nel centrodestra, anche a distanza di anni possono dirsi al di fuori di sporchi giochi di potere e puri da ogni macchia di corruttibilità. A distanza di anni però si possono riconoscere i propri errori e guardare con serenità al futuro.

Laica, socialista, liberale, radicale. Questà è l'Italia che voglio!
posted by Andreas Martini @ 2:59 AM  
3 Comments:
  • At 1:12 PM, Blogger ConsorzioManzetti said…

    mo scperiamo bene! :)

     
  • At 10:12 AM, Anonymous FireMan said…

    andreas e come la mettiamo con la guerra in Iraq e con l'abolizione dell'articolo 18? come la mettiamo con la loro opposizione ai sindacati di cui volentieri si sbarazzerebbero?

     
  • At 4:37 PM, Blogger Andreas Martini said…

    fireman credo sia difficile trovare qualcuno e/o un partito con delle idee completamente coincidenti alle proprie.
    Se sull'art. 18 vorrei riaggiornarmi visto che non ricordo molto bene la sostanza del dibattito pro o contro abolizione per la guerra in Iraq mi rifaccio alle parole di Emma Bonino a Matrix.
    La guerra era ed è sbagliata ma se si vuole il bene degli Iracheni non si può abbandonare il loro paese che attualmente è in guerra civile.
    I sindacati croce e delizia della Sinistra... per me troppo spesso una croce.

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER