Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
lunedì, gennaio 23, 2006
Commentando/2
Cara Ruby, caro Bernardo, innanzitutto non me ne vogliate se faccio questo commento "a reti unificate", ma essendo le vostre posizioni molto simili cerco di rendere il mio commento unico e valido per entrambe.
Non me ne vogliate, inoltre, se trasparià nel mie parole un certo astio.
Non sono uomo di scienza, nè biologica, intesa in tutte le sue accezioni, nè filosofica, nè in nessun'atra branca. Sono uno studente e per altro in nessuno dei due campi sopra citati. Tutto ciò che penso e scrivo deriva, si dagli studi e dagli esami finora sostenuti, ma soprattutto dalle conoscenze che ho voluto sviluppare ed approfondire seguendo i miei interessi personali.
Per quanto riguarda l'oggetto della nostra discussione deriva dall'essere io stesso oggetto di questa e dalle letture che ho fatto per dare risposte a domande che io stesso mi sono posto e mi continuerò a porre.
Tali risposte le ho cercate sì anche in testi scientifici ma volendole fare mie le ho dovute ridurre al mio linguaggio comune, lo stesso che ho usato per scrivervi. Per voi è necessario riportare i vostri studi e le vostre conoscenze con termini da manuale ed io non posso che apprezzare la proprietà di linguaggio indice di vera conoscenza, ma utilizzare un certo dominio ricco di tecnoletti è per me sinonimo di "discriminazione". Significa voler far volutamente in modo che l'altro non capisca e quindi impedirgli di controbbattere, significa quindi escluderlo. Pur credendo nella vostra buona fede ed onostà culturale, penso pure che usare quel certo tipo di linguaggio significa voler nascondergli dietro il niente. Terra terra come sono abituato io: tutto fumo e niente arrosto!
Se citare frasi fatte è da qualunquista, accusatemi allora di questa grave colpa!

Ai banali dubbi esistenziali che ognuno si pone, me ne sono posti altri, come tanti altri gay. Mi sono sempre chiesto se fossi malato, cosa significasse la mia diversità, se per quest'ultima dovessi considerarmi inferiore al resto del mondo, se nonostante la mia diversità potessi aspirare ad una vita serena e così via.
Non mi sono risposto nè attraverso la Bibbia, altrimenti mi dovevo cominciare a scavare la fossa da solo, nè attraverso la Scienza, che di risposte certe non ne sa tuttora dare. Entrambe mi hanno accompagnato nel mio percorso ma non mi sono vincolato a nessuna delle due. Ho preferito scavare a fondo dentro di me, chiedendo sempre aiuto di Dio. E sono arrivato alla conclusione che sono un'essere umano (peccatore - per comprendere la sfera religiosa) come tanti.
Trovare un'armonia con se stessi non è poi così difficile, lo è molto di più invece l'incontro o scontro con la società.
Dalle vostre parole traspare una certa vena di polemica nei nostri confronti perchè ci tacciate di vittimismo. Se in alcuni casi, non faccio problemi ad ammetterlo, lo siamo stati cioè non toglie che siamo stati e siamo tuttora vittime di discriminazioni. Il negazionismo e abominio. E negare che in Italia i gay e tante altre minoranze siano vittime di discriminazioni è anche demagogico, al pari di dire "ho tanti amici gay e li rispetto". Perchè noi dobbiamo lottare per avere rispettoe e voi meritarvelo a prescindere?
Per voi che, giustamente, aborrite il politically correct dire che l'omosessualità è una malattia è una considerazione scientifica priva di discriminazioni, in base al fatto che tutti più o meno siamo malati secondo il famoso o famigerato DSM.
Non so voi ma io a sentirmi dare del malato non è che mi senta complimentato da qualcuno, anzi.
E per di più vedermi negare alcuni diritti fondamentali in base a tale malattia (perchè il malato và curato non tutelato!) mi fa "incazzare", mi si perdoni il francesismo.
Non ho bisogno di giri di parole, al contrario di quello che pensa lei sig. Bernardo. Non ho mai parlato esplicitamente di Pacs perchè lei e la signora Rudy non avevate fatto altrettanto.
Lo dico esplicitamente, anche usando i malfamati slogans: si ai Pacs o al matrimonio gay in Italia. E dico contemporaneamente no alle piccole riforme dei codici. Abbiamo, noi gay, bisogno di qualcosa che istituzionalizzi la nostra "normalità"!
Voi vi astenete dal giudicare le cose in base al senso comune, la maggior parte della popolazione al contrario lo fà. E il senso comune si basa molto spesso su ciò che secondo i legislatori è lecito e ciò che non è lecito fare. Nel momento in cui
la legge istituzionalizzerà anche l'unione di due gay, pochi altri oltre a voi donne e uomini di scienza, potranno continuare a pensare che i gay siano malati, perchè mai la legge potrebbe dare diritti a dei malati psichici!
Ecco perchè no allo status di malati!

Nonostante attraverso tutti gli atti comunicativi si vuole convincere l'altro della propria visione del mondo, non era questo il mio intento. Non posso che stimare tutti coloro che vogliono portare avanti delle loro convinzioni anche quando sono nettamente opposte alle mie.
Ogni mio intervento voleva semplicemente evitare che si racchiudesse tutto dentro una sterile discussione sulla patologicità dell'omosessualità ed evitare che la realtà si possa racchiudere dentro schemi prefissati. Continuate pure a pensare che l'omosessualità è una malattia, ma iniziate ad interrogarvi su tutto ciò che è la sessualità al di fuori dei concetti di etero e omo.

Cordiali saluti
posted by Andreas Martini @ 7:46 PM  
2 Comments:
  • At 10:06 AM, Anonymous Angelus said…

    io alla "Bernarda" ho lasciato questo commentino...volevo lasciarlo anche dalla signorina Ruby ma nn so come si fa perché ci vuole autorizzazione. per favore mi dici come si fa, o almeno lo incolli tu per me da lei? :P grazie a presto!

    Bernardo ma invece di rifugiarti nel "virtuale" sarebbe molto bello che le tue strampalate teorie le porti all'Ordine degli psichiatri italiani, così si faranno perlomeno 4 risate(in alternativa ti beccheresti una bella querela). Libero di non credere all'OMS e alla comunità scientifica, ricordo solo che come te i nazisti accusavano la lobby giudaica-massonica.
    Il termine "malattia" è un termine medico, non politico e culturale.
    E' evidente il TUO disturbo mentale, la TUA repressione sessuale tale che devi per forza imporla su altre persone. E' evidente anche il TUO lato omosessuale, presente in ogni individuo umano(Sigmund Freud in particolare sosteneva la sua teoria della bisessualità e non considerava l'essere gay una "malattia") e la tua personale paura inconscia ad ammetterlo. Scommetto che incoerente come sei il "sesso fai da te" per te non è una "malattia", e chissà perché visto che nemmeno quello procrea ma è narcisistico per eccellenza, forse per non considerare anche te tra i "malati"...
    E' molto facile smontare le tue "teorie" con un dato di fatto: la natura stessa prevede periodi d'infertilità femminile, prevede quindi la sessualità senza scopi procreativi.
    Prevede che anche l'amicizia tra persone dello stesso sesso, anche questa è manifestazione della sessualità.
    Quanto ai "disturbi sessuali" e ad altre forme di ansia e depressione riferiti alle persone omosessuali di cui parla il DSM IV, l'OMS spiega molto bene in tante altre sedi che sono dovute alla vergognosa pressione sociale in cui tanti gay e tante lesbiche crescono, la stessa pressione razzista e bigotta di cui tu sei intriso...e per questo malato. In una società perfettamente accogliente per tutti i precedenti "problemi" di 3/4 degli omosessuali scomparirebbero in un batter d'occhio.

     
  • At 2:36 AM, Blogger Andreas Martini said…

    Al più presto ti rispondo e sulla scia di Rubytuesday lo farò in un post...

    a presto

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER