Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
mercoledì, ottobre 04, 2006
Illusionisti
Augurandomi di vedere pubblicato un mio resoconto sulla giornata di sabato - non tanto per le mie qualità giornalistiche quanto più perchè uno dei pochi presenti a scrivere qualcosa nell'immediato - ho scritto qualcosa di molto conciso e poco focalizzante. Ho corso il rischio di essere troppo di parte - si deduce per chi simpatizzavo - ma gran parte della giornata, e non rischio smentite, è stata realmente un processo ad Arcigay e non trovarsi d'accordo con le accuse era quasi impossibile.
Come ho già scritto, gli interventi delle varie associazioni contenevano anche interessanti spunti di riflessione e da questo post in poi mi soffermerò su punti che ho tralasciato nel "riassunto". Parto parlando ancora dell'Arcigay e di ciò di cui vuole farci illudere, non tanto perchè voglia per forza criticare l'associazione quanto per la contingenza con l'attualità.

Lo Giudice non ci sta a dichiarare sconfitta e tra le vittorie cita, come ho già scritto, la manifestazione "Tutti in PaCS" del 14 gennaio a Roma, la partecipazione di due ministri, Pollastrini e Ferreo, al TorinoPride dello scorso giugno e il recente annuncio di calendarizzazione (in Commissione Giustizia, NdR) delle proposte sulle unioni civili.
Mi soffermo su queste due ultime "vittorie": la Pollastrini già subito dopo la sua nomina a ministro si è sempre dimostrata molto attenta ai nostri problemi e alle nostre richieste. Anche la sua collega alla Famiglia, Rosi Bindi, ci ha sorpresi, con le sue aperture verso le coppie omosessuali. Non saranno però una o due rondini a fare primavera! Perchè il programma lo conosciamo e l'Unione la conosciamo!
La Bindi è stata fatta retrocedere sulle sue aperture già da subito, dai suoi compagni cattolici, e la Pollastrini ha avuto sì il "coraggio" di scendere in piazza con noi a Torino, ma anche lei non avendo poteri illimitati dovrà lavorare entro certi limiti.
In vista della calendarizzazione delle proposte di legge su PaCS ed unioni civili, il Governo ha chiesto alle due ministre di elaborare un testo unico che possa riassumere e fare da sintesi a quelli di iniziativa parlamentare. Il testo che presenteranno essendo di iniziativa governativa avrà sì il vantaggio di poter essere approvato più facilmente ma ha anche il solito grande limite: le 7 righe e mezzo!
Infatti la Ministro per le Pari Opportunità dichiara: "Unioni civili? Solo diritti individuali. Avendo come bussola il programma dell'Unione."
Grillini "gongola soddisfazione" (vedi link precedente), Arcigay di conseguenza.

E una legge così - che comunque anche io auspico fortemente almeno per smuovere le acque - sarebbe una vittoria? Ma non era forse pure l'Arcigay indignata per quelle righe all'interno del programma (Lo Giudice ha ricordato anche la protesta sotto la sede dell'Unione per dimostrare il loro non collateralismo/servilismo)?

Noi non facciamo i disfattisti, noi non la chiameremo sconfitta, ok!, ma almeno voi non fate demagogia!
posted by Andreas Martini @ 11:21 AM  
4 Comments:
  • At 6:30 PM, Anonymous Leppie said…

    Solo diritti individuali sarebbe una sconfitta.

    Non muoverebbe un bel nulla, anzi, sarebbe una tonnellata d'olio riversata a calmare le acque e soffocare quel poco di vita che c'è...

     
  • At 6:44 PM, Blogger EqualMarriage said…

    Io in linea di massima concordo con questo post. Anche se, come già sai, non sono d'accordo nel dire che la Bindi abbia per un po' di ore aperto alle nostre richieste e non sono d'accordo nel non-definire "sconfitta" l'attuale situazione: ciò che i gay italiani hanno richiesto in questi anni andava ben oltre a cose come il diritto della singola persona ad assistere in ospedale un'altra persona... era anche e soprattutto il riconoscimento ufficiale, davanti allo Stato e alla società, delle relazioni affettive extramatrimoniali... insomma di nozze alternative, elastiche, per chi desidera unirsi al di fuori dell'istituzione matrimonio. Era una questione innanzitutto di dignità sociale e ufficializzazione dei legami, anche omosex, esistenti al di fuori del vincolo matrimoniale. Tale richiesta è stata rigettata senz'appello, ergo siamo stati SCONFITTI.

    Potremo ottenere i Pacs per le coppie extra-matrimoniali, anche omosex, solo quando "oseremo" prendere atto di questa sconfitta e agire di conseguenza: pretendendo ciò che ci spetta, cioè la piena parità (apertura del Matrimonio, apertura delle adozioni, apertura della fecondazione) e niente di meno. Pretendendo la piena parità, innanzitutto si rende possibile ottenere la piena parità (se non la si pretende non la si può mai sperare di ottenere!) e poi c'è da dire che i Pacs non sarebbero più percepiti dall'Italia come una "zapaterata" ma come un progetto di legge "moderato".

     
  • At 7:47 PM, Anonymous FireMan said…

    diciamo: "presa per il c...lo"?

     
  • At 12:38 AM, Blogger Andreas Martini said…

    diciamolo!

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER