Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
lunedì, ottobre 09, 2006
Dalla Democrazia Cristiana al Partito Democratico
Il dibattito sul Partito Democratico impazza e alcuni noti esponenti di Arcigay-Gayleft-DS hanno portato al suo interno la "questione gay". Volendoci ragionare su parto dal ricordo del primo, vero e fino ad ora ineguagliato partito unito mai visto in Italia: la Democrazia Cristiana.
Lo spunto di riflessione mi viene dal discorso di apertura dei lavori degli Stati Generali GLT, di Rossana Praitano (Circolo Mario Mieli). In una sua interessante ricostruzione dello scenario politico con cui, negli anni, il nostro movimento si è dovuto confrontare, la presidente del Mieli ha messo in luce un importante aspetto della fine della I Repubblica: la dissoluzione della DC. Lo ha fatto sotto altra ottica che, condividendola, mi fa dire un secco si al PD ma contemporaneamente un secco no ad una componente gay al suo interno.Verrebbe da dire, con una retorica tipicamente post democristiana, "si stava meglio quando si stava peggio". Ed è quasi retorico spiegarne il perchè. Il nemico allora era, come dire concentrato. Dal 1994 la diaspora e la conseguente contaminazione di un pò tutte le aree politiche, ha reso il "nemico" più difficile da contrastare. E allora non resta che auspicare un altro partito unico in cui raccogliere tutti gli esuli democristiani, dai margheritini ai popolari di mastella, lasciano così libertà d'azione alla vera sinistra e libertà di scelta a noi elettori che della componente cattolica all'interno del centrosinistra ne faremmo volentieri a meno. Se poi contemporaneamente nascesse un vero partito che si richiamasse esplicitamente al PSE e/o alla sinistra europea, sarebbe il vero paradiso politico!

Inutile pretendere, come fanno Benedino, Zan, Concia e Grillini, che al centro di un programma del PD si dia grande peso ai diritti civili ed in particolare a quelli per le persone glbt.
Se l'intervento di Paola Concia (Gayleft) sul Riformista è apprezzabilissimo per la lucidità con cui riconosce i limiti e la sordità del suo partito (i DS) e del nascente PD, è impensabile che si possano avere risposte concrete dai dirigenti dell'Ulivo. Perchè anche quando arrivano sono... aria fritta! Così come le parole della diessina Delia Murer, assessore alle Politiche Sociali del comune di Venezia, in risposta all'intervento di Alessandro Zan sempre sl riformista: “Credo che i Ds e il centrosinistra in generale, nonostante le sensibilità diverse, non possano essere tacciati di scarso intereresse o addirittura di riluttanza nei confronti dei diritti civili”.
A questo punto meglio la schiettezza del sottosegretario allo Sviluppo della Margherita Paolo Giaretta: “Zan deve capire una cosa: all'interno di una coalizione ci possono essere diverse sensibilità. Si può provare a mediare ma quando un'intesa non è possibile è meglio lasciar perdere e andare avanti”.

Più chiaro di così si muore! Lasciamo perdere, sul serio. Il Partito Democratico è cosa buona ma non è cosa nostra!
posted by Andreas Martini @ 1:56 PM  
3 Comments:
  • At 3:59 PM, Anonymous FireMan said…

    ehy, mi hai battuto sul tempo!!! allora lascio perdere...

    concordo pienamente, e poichè penso che alla fine il PD si farà, mi chiedo che fine faranno ArciGAY e GayLeft con tutti i loro autorevoli rappresentanti...

     
  • At 1:30 PM, Anonymous rikkardino said…

    Vabbè ne abbiamo già parlato, ma lo metto nero su bianco... già in post di qualke settimana e mese fa sul mio blog ho espresso le mie perplessità, esclusivamente politiche e sociologiche, sull'opportunità di un partito democratico unione di Ds-Dl-Idv_repubblicani etc etc. Guardando la cosa da un'ottica, diciamo così, lgbt e visto che il processo per la sinistra europea è ancora nememno una forma embrionale, credo ancora una volta, che sarebeb auspicabile un lavoro per rafforazre i meccanismi di coalizione , Unione, piuttosto che un novo partito di cui gli elettori nn sentono esigenza. E all'interno di questa Unione collaudata, seguendo i meccanismi della democrazia , procedurale ahimè, chi più pesa e fa pesare le sue ragioni (e i suoi elettori) pesa di più nei programmi di governo.
    Il PD non è cosa buona, secondo me, ma concordo che non sia cosa nostra. Noi dovremmo occuparcio di creare coscienza comune e sensibilità diffusa sui temi lgbt per poter così avere più peso su decisioni e interventi concreti.

     
  • At 7:51 PM, Blogger Andreas Martini said…

    Rikkardino, spero di averti risposto con il post successivo a questo.... non mancherà comunque di riparlare di queste cose sia dal vivo che qui sul blog! :-)

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER