Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
mercoledì, febbraio 13, 2008
Berlusconi ignora GayLib. Ma loro lo voteranno comunque
Nel caos della campagna elettorale, nella incazzatura contro tutto (la politica) e tutti (i partiti), si ritrova il buon umore quando leggi queste notizie qua:

GayLib alla manifestazione del PDL di San Babila, con le bandiere e a testa alta per le Unioni Omoaffettive

Si è svolta sabato al Tetro Nuovo di piazza San Babila, a Milano, la manifestazione organizzata da Michela Brambilla, nella quale Silvio Berlusconi ha inaugurato ufficialmente la campagna elettorale.

Tra sguardi increduli e qualche disagio sono sfilate in mezzo ad una nutrita ma poco composita folla le bandiere di GayLib, l’associazione dei gay liberali di centro-destra, i quali sono voluti intervenire a testa alta per affermare il loro diritto di dimora all’interno del centro-destra ed ancor più in quel partito che vorrebbe farsi garante di ogni libertà.

I “gaylibbini” hanno distribuito volantini con la loro proposta del riconoscimento civile dell’Unione omoaffettiva, un’alternativa ai Pacs e ai Dico del mondo culturale e del movimento di centro-sinistra: riconoscere i diritti delle sole coppie omosessuali (e non delle coppie di fatto in genere), dal momento che sono le uniche a non potersi sposare; così facendo si eviterebbe, a loro dire, di mettere in discussione i valori tradizionali legati alla percezione dell’istituto famigliare eterosessuale.

La presenza di GayLib non è passata inosservata: il presidente Oliari ha risposto alle domande rivoltegli dalla TV della Libertà, le cui immagini venivano trasmesse su un grande schermo nella sala; nell’intervista Oliari ha sostenuto l’importanza di un centro-destra laico, capace di dare, visto l’immobilismo delle sinistre, risposte anche al problema attualissimo del riconoscimento dei diritti e dei doveri della coppia gay, come già avviene nel resto d’Europa nei paesi governati dal centro-destra.

Nella sala c’è stato qualche momento di tensione fra i militanti di GayLib e chi vedeva nella presenza dell’associazione una provocazione e una possibile causa di un’eventuale perdita di voti e lo stesso Berlusconi ha ribadito con forza dal palco che l’unica famiglia è quella fatta da un uomo ed una donna.

Rimane la percezione di una giornata politica ordinaria, dove il leader Silvio Berlusconi ha ripetuto le cose di sempre, con un partito, nei fatti, disponibile solo a poche libertà.

(comunicato di Guido Keller di GayLib)


Non amo incollare le notizie per intero ma questa merita di essere letta tutta. Quando è caduto il governo pur contento temevo di dover ricominciare a subire l'ilarità e la saccenza da "ve l'avevamo detto" dei GayLib. Ci hanno provato per carità, ma poi leggo i comunicati come questi e rido godurioso. Ma poi mi devo fermare, perchè i "gaylibbini" e tutto il sommerso mondo di gay di (centro)destra continueranno a votare il Berlusca contribuendo alla sua vittoria.
Vediamo se avranno ancora il coraggio di chiamarci a noi coglioni!
posted by Andreas Martini @ 6:31 PM  
4 Comments:
  • At 8:39 PM, Blogger Pat pat said…

    Di fatto sono proprio i gay di destra i nostri peggiori nemici, avvallando le idee xenofome ed omofobe della destra con il loro voto.
    Sono i peggiori autolesionisti e illusi insieme alle donne di destra.

     
  • At 1:45 AM, Anonymous Anonimo said…

    Bhe dovete leggere questo di articolo, è ancora + comico ed alla fine decidono di nn votare il berluska.
    http://notiziegay.blogspot.com/2008/02/io-gay-di-destra-mazziato-da-berlusconi.html

    Saluti:
    Giò.

     
  • At 2:12 AM, Blogger Pat pat said…

    @Giò
    L'avevo letto in precedenza, condivido solo in parte quello che afferma il blogger nel post in questione.
    L’idea che sta alla base dell’elettore medio di centrodestra è il conferimento di un consenso in base ai favori che ne trarrà lui personalmente o come categoria, questa destra non è certo portatrice di valori, se non quelli dell’arraffazzonismo, dei condoni tou cour , delle leggi ad personam per il mafioso o l’inquisito di turno, insomma un liberismo da cow boy dell’estremo west, quello dei film western americani. Quindi questo non dare il proprio voto da parte dei peggio autolesionisti a Berlusconi suona più come un ricatto(inutile) che come una decisione definitiva, il popolo GLBT deve semplicemente rendersi conto che esistono partiti laici, che sostengono fattivamente le libertà individuali, e partiti e coalizioni che invece rincorrono un modello tendenzialmente pro cattolico e antiliberale. Esiste nel mondo omosessuale un edonismo narcisista e dalle tendenze superficiali che ha posto il modello imprenditoriale di Berlusconi alla base del proprio ideale di vita, la vita intesa come finzione, Berlusconi il politico alla moda, lampadato, liftato e sicuramente ben profumato, così IN.
    Se ci facciamo caso sono spesso le regine più glamour le sue maggiori sostenitrici, quelle macchiette tanto detestate dalla destra neofascista, i gay che non sopportano gli effeminati dimenticandosi della TAV che passa tra le loro gambe. Deve arrivare uno slancio di orgoglio dal mondo omosessuale, uno slancio che dica quanto ci sentiamo scandalizzati di venir trattati come animali da soma, e la pretesa dei diritti che legittimamente pretendiamo.

     
  • At 10:19 AM, Anonymous Anellidifumo said…

    I gay di destra sono talmente pochi che non sono per nulla pericolosi. Quelli pericolosi sono i gay nel PD. Specchietti per le allodole, che non sono poche.

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER