Gay al voto!

Coming soon

I miei video
Top posts
Sostengo
Tribute
venerdì, novembre 09, 2007
L'ultimo saluto a Massimo Consoli
Se Massimo Consoli fosse stato realmente il “papa degli omosessuali”, così come lo aveva definito l’antropologo Alain Daniélou, allora l’ultimo saluto che gli è stato tributato martedì scorso non sarebbe stato all’altezza di una tale “carica”. Non tanto per la cerimonia in sé, quanto più per la partecipazione. Ma Massimo, che si autodefiniva anarchico, anticristiano ed anticlericale, Papa non lo sarebbe affatto voluto essere. Consoli è stato un grande studioso e intellettuale del movimento omosessuale italiano ed internazionale. Libero pensatore e quindi spesso scomodo non è mai voluto e potuto diventare leader di quel movimento. Ha preferito la militanza individuale ed il riconoscimento come mentore e storico della memoria. Piuttosto che trascinatore di folle, quindi, è stato un trascinatore di coscienze. Soprattutto negli ultimi anni quando la malattia, aggravatasi, lo ha tenuto lontano dalle manifestazioni a cui aveva sempre voluto partecipare. È diventato molto solitario, ma non solo. Con lui c’erano sempre Lorenzo, il figlio tanto desiderato e che dopo tante battaglie è riuscito ad adottare ufficialmente qualche anno fa, con sua moglie Milika ed il nipotino Massimo. E poi gli amici di sempre, fedeli compagni di battaglie, come Alba Montori, per dirne una su tutti, che gli sono sempre stati vicini in tutti i sensi fino agli ultimi giorni. Ed infatti alla cerimonia hanno partecipato quasi esclusivamente loro.
I rappresentanti del movimento, quelli ufficiali, non c’erano, se non quelli come Franco Grillini, Vladimir Luxuria, Titti De Simone – per citare i più noti – che erano anche, o prima di tutto, amici personali. Certamente gli assenti avranno reso omaggio a Massimo visitando la camera ardente allestita al Circolo Mario Mieli, ma comunque la loro è stata una biasimevole assenza difficile da giustificare. Ammirevole, al contrario, la presenza di singoli glbt, anche giovani e di fuori Roma, che pur non conoscendolo personalmente hanno ritenuto importante rendere omaggio a questo grande personaggio della nostra comunità.
Massimo Consoli ha sempre ripetuto che era soddisfatto della sua vita avendo centrato i sue due grandi obiettivi: avere un figlio e ottenere la legittimazione da parte dello Stato del suo celebre archivio internazionale di pubblicistica gay. Voleva per questo che i suoi amici e le persone che lo stimavano fossero anch’essi contenti per lui, anche quando sarebbe morto. Infatti parlando di come immaginava il suo funerale, disse che avrebbe voluto non piagnistei ma una grande festa, una sorta di Pride in suo onore: allegria, colori, musica, balli e… perché no, anche “altre forme di divertimento”! È facile intuire che non è andata proprio così. Le sue volontà sono state solo in parte rispettate: la cerimonia, celebrata all’Istituto buddista italiano Soka Gakkai (di cui fa parte il gruppo buddista glbt Arcobalena), è stata laica, come lui voleva e di piagnistei, a parte l’inevitabile commozione dei familiari e di alcuni amici, non ci sono stati ma niente “Pride ad personam”, purtroppo.
Sarà difficilmente realizzabile anche un altro suo ultimo grande desiderio: quello di essere seppellito al cimitero acattolico di Roma, vicino all’amico Dario Bellezza ed a illustri sconosciuti, primi militanti o sostenitori del movimento di liberazione omosessuale (http://www.cybercore.com/consoli/cimitero.htm), che lui stesso scoprì e celebrò nei sui mitici “GayDay”. Le pratiche burocratiche sono difficili, poiché la custodia e la gestione del cimitero è affidata alle rappresentanze straniere in Italia e, data lo spazio esiguo a disposizione, solo eccezionalmente viene concessa la sepoltura a italiani illustri. Senza l’interessamento delle istituzioni comunali, che per ora non si è manifestato, sarà quindi molto difficile che Massimo Consoli venga sepolto lì e quindi, in attesa di positivi sviluppi, sarà seppellito nel cimitero di Marino, dove risiedeva danni.


Su Gaynews

Etichette: ,

posted by Andreas Martini @ 9:32 PM  
5 Comments:
  • At 5:56 PM, Anonymous Anonimo said…

    qualche rappresentante del movimento c'era dai...

     
  • At 7:45 PM, Blogger Andreas Martini said…

    si si.... ma a chi ti riferisci?
    io quelli che ho visto, senza offesa, non li reputo molto rappresentativi del movimento glbt.

     
  • At 8:18 AM, Anonymous Anonimo said…

    rappresentativi o meno de "rappresentanti ufficiali" e non parlmentari ci stavano, e anche degli esponenti del movimento. Poi forse non andebbe confusa la rappresentatività con la notorietà.

     
  • At 10:25 AM, Blogger Andreas Martini said…

    Non faccio una distinzione di rappresentanza e notorietà. Potrei elencarti molti dei presenti a dimostrazione che quantomeno a me sono noti e che quindi io non sono in malafede.
    Forse, dopo l'incontro di domenica scorsa a BO, usciranno i rappresentanti e portavoce nazionali del prox pride e quindi del moviemento. Fino ad allora saranno la Praitano, Mancuso e Ballarin. In un movimento disgregato come il nostro sono loro i "massimi rappresentanti" del movimento. Tu li hai visti lì? Io no.

     
  • At 10:26 AM, Blogger Andreas Martini said…

    Comunque mi lascia perplesso il fatto che tu intervenga anonimamente. Vorrei capire chi sta rappresentando i non rappresentanti!

     
Posta un commento
<< Home
 
Chi sono

Name: Andreas Martini
Home: Roma, Italy
About Me: Andreas Martini è uno pseudonimo, ma non sono "una velata": sono visibile dappertutto, ma per scelte diverse, anche politiche, non lo sono su questo blog e nella rete. 26enne, 100% orgoglioso abruzzese, 100% innamorato di Roma, la città che dal 2000 mi ha adottato. Laureato in Scienze della Comunicazione, giornalista praticante. Il mio blog è il mio impegno nella lotta per i diritti civili glbt. C'è anche attivismo vero: sono iscritto all'associazione di ispirazione socialista Rosa Arcobaleno e alla Federazione dei Giovani Socialisti.
  • Profilo, email, contatto MSN
  • Chi sono (il mio primo post)
  • Perchè lo pseudonimo
  • Blogs
  • Alba Montori
  • Anellidifumo
  • Chiara Lalli
  • ConsorzioManzetti
  • Cristiana Alicata
  • Disorder
  • Famiglia Fantasma
  • Fate
  • Fine delle Danze
  • FireMan
  • GlitterLifeStyle
  • Lampi di pensiero
  • La Voce Libera
  • Leppie
  • NanoMondano
  • NeroInchiostro
  • Psikiatria80
  • QueerBlog
  • Rikkardino
  • Sky's Blog
  • SpiceBoy
  • Teo in America
  • Une belle histoire
  • VillageBlog
  • Previous Post
    Archives
    Copyright

    I contenuti inediti (articoli, foto, video, etc.) di questo blog, che siano opera del suo autore, sono pubblicati sotto una licenza Creative Commons. Se riprodotti altrove, la loro paternità va attribuita specificando il nome dell’autore e il titolo di questo blog, e inserendo un link all’originale o citandone l’indirizzo. I commenti e ogni altro contenuto inedito qui ospitato sono di proprietà dei rispettivi autori. I contenuti già editi altrove sono di proprietà dei detentori dei relativi diritti.

    Counters



    Locations of visitors to this page

    BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

    Template by

    Free Blogger Templates

    BLOGGER